Mobilità, dieci proposte “subito” per i sindaci

3 Dic

Il Comitato scientifico degli Stati Generali della Bicicletta e della Mobilità Nuova ha finalmente sistematizzato i contenuti emersi dal dibattito dell’appuntamento di Reggio Emilia. E’ stato stilato un decalogo di interventi che le amministrazioni locali possono realizzare “subito” per migliorare la sicurezza stradale e dare impulso a una mobilità non motorizzata che va ad affiancare e integrare le tre azioni definite prioritarie dagli Stati Generali (30 orari in ambito urbano, dimezzamento incidenti stradali con morti e feriti, obiettivo del di portare almeno al 60% del totale l’insieme degli spostamenti a piedi, in bici, col trasporto pubblico).

Ecco le dieci azioni che #salvaiciclisti, Anci, Fiab e Legambiente chiedono ai sindaci di mettere subito in pratica nel proprio territorio:

 1.                 Limite a 30 Km/h eccetto viabilità principale

Occorre un impegno a porre il limite di velocità in ambito urbano a 30 Km/h, con eccezione della viabilità principale come individuata dagli strumenti di pianificazione locale. Il limite va accompagnato da misure infrastrutturali di moderazione del traffico.

2.                 Obiettivi di miglioramento concreti

Per migliorare bisogna darsi degli obiettivi e bisogna misurare nel tempo il loro andamento. Gli obiettivi devono riguardare il riequilibrio nella ripartizione tra i modi di spostamento, la riduzione degli incidenti, della congestione, delle esternalità ambientali. Occorre quindi che ogni amministrazione locale si impegni a definirli in modo condiviso e nel quadro degli strumenti di pianificazione, a fornire i propri dati, a monitorarli nel tempo, a dedicare investimenti adeguati a raggiungerli. In particolare vanno misurati localmente la composizione modale del traffico e l’incidentalità stradale. Nel breve il Comune deve portare gli spostamenti individuali motorizzati sotto il 40% del totale e dimezzare il numero di incidenti stradali con morti e feriti.

3.                 Strade scolastiche car free

Attivare progetti condivisi con le scuole e le famiglie, che puntino alla protezione dei percorsi casa – scuola (pedius e ciclobus) e degli ingressi alle scuole (chiusura in orario di ingresso-uscita; creazione di ztl); sviluppare progetti di motivazione alla mobilità sostenibile, rivolti ai giovani (premi, progettazione partecipata della ciclabilità,…)

4.                 Utilizzo 10% contravvenzioni per ciclabilità

Destinare come stabilito dalle normative la quota di proventi derivanti dalle contravvenzioni alla sicurezza stradale e alla mobilità sostenibile con criteri di trasparenza sugli introiti e gli usi delle entrate economiche derivanti dalle contravvenzioni

5.                 Parcheggio bici negli spazi condominiali e nelle strutture del Comune

Modifica della normativa vigente per superare il limite ad oggi esistente della necessità di una delibera specifica adottata dall’assemblea condominiale per poter parcheggiare la bicicletta negli spazi comuni. I parcheggi bici dovrebbero inoltre essere estesi a tutte le strutture del Comune (Scuole, Uffici, Centri sportivi, etc.)

6.                 Doppio senso di circolazione per le biciclette

La circolazione in doppio senso per le biciclette nei sensi unici è sempre ammessa quando i limiti di velocità sono posti a 30 Km/h, anche in presenza della sosta sul lato sinistro della carreggiata, senza vincoli di larghezza minima, recependo quanto già sperimentato a livello locale e normato in altri paesi europei.

7.                 Formazione alla mobilità sostenibile

Introdurre corsi di educazione alla mobilità nuova, e in particolare ciclistica, da inserirsi nella programmazione e nel POF (piano dell’offerta formativa) nelle scuole di ogni ordine e grado e prevedere uno specifico corso per i tecnici ed amministratori locali

8.                 Prevedere campagne di pubblicità

Individuare i proventi per effettuare campagne di sensibilizzazione e promozione della mobilità sostenibile (ad es. 1% della pubblicità auto, trasferimento di quote degli introiti derivanti a vario titolo dalla motorizzazione).

9.                 Campagna per il rispetto degli attraversamenti pedonali

Fare attività di monitoraggio, verifica, attuazione e rinforzo dei principi contenuti nell’art. 191 del Codice della Strada evidenziando la precedenza dei pedoni negli attraversamenti pedonali e sviluppare un’adeguata campagna di comunicazione.

10.             Infortunio in itinere

Si richiede inoltre una Delibera da parte di tutti i Consigli comunali per richiedere che lo spostamento in bici casa-lavoro sia riconosciuto dall’INAIL alla pari del trasporto pubblico.

Ricordiamo infine che occorre garantire sempre il rispetto del Codice della Strada vigenteassicurando la certezza della pena per chi contravviene

13 Risposte to “Mobilità, dieci proposte “subito” per i sindaci”

  1. Michelangelo 3 dicembre 2012 a 09:39 #

    La legge impone che il 20% delle multe per violazione al C.d.S. venga destinato alla ciclabilità.
    M!!!

  2. Roberto Lanzi 3 dicembre 2012 a 13:29 #

    Sono sostanzialmente d’accordo tranne che sul punto 6: mi sembra comunque pericoloso, pur in presenza di limite a 30 km/h. In fondo basta fare un giro un po’ più lungo per ovviare al problema.

    • Francesco 3 dicembre 2012 a 16:26 #

      Il problema è che la viabilità delle nostre città è concepita per le automobili. A Roma a volte il giro un po’ più lungo consiste in una salita da gran premio della montagna, mentre in alcuni casi per non fare un isolato contromano si allunga di alcune centinaia di metri. Col motore è un conto, coi pedali un altro.

  3. Francesco 3 dicembre 2012 a 16:48 #

    Invece a volte temo che il proclama dei 30 km/h possa nuocere alla causa. Io rinuncerei a questo punto pur di vedere realizzati gli altri. Purtroppo noi ciclisti urbani dobbiamo farci furbi, perchè siamo una piccolissima minoranza. Gli automobilisti sono una maggioranza schiacciante e molti ci vedono come una fastidiosa seccatura. Probabilmente l’automobilista medio sarebbe d’accordo con tutti i punti del programma (perchè non gli si chiede alcun sacrificio) tranne quello relativo ai 30 km/h, perchè lo priva della sua illusione di velocità e potenza. In Italia il sindaco medio si preoccupa molto di cosa vuole l’elettore medio. Purtroppo nelle nostre città l’elettore medio è un automobilista.

    • lerane 3 dicembre 2012 a 18:42 #

      Francesco però quella della velocità è proprio, come dice tu, un’illusione…

  4. Claudia Costanzo 3 dicembre 2012 a 17:25 #

    c’è anche da dire che andare a 30 all’ora è quasi impossibile…. o si fanno motori che tengano quella velocità o si va più forte anche senza volerlo, ovviamente in mancanza di traffico.

    • lerane 3 dicembre 2012 a 18:43 #

      Giusto Claudia, dobbiamo scegliere: gli amministratori pubblici devono operare una scelta. Rischiare che si spengano i motori a 30 all’ora. O rischiare che si spengano vite umane a 50 orari

      • Francesco 4 dicembre 2012 a 11:39 #

        Non saprei. I 30 km/h sarebbero una misura di buon senso, ma il buon senso non basta a imporre un cambiamento. E’ necessario che la maggioranza lo faccia proprio questo desiderio di cambiamento. Solo che il giorno in cui i ciclisti saranno più numerosi degli automobilisti e più potenti delle lobby dell’auto forse non arriverà mai, quindi temo non sia una strategia vincente. Però il desiderio di una città migliore c’è già in una buona maggioranza di persone, anche in tanti automobilisti i quali vivono una forte dissociazione. Chiusi nei loro abitacoli apparentemente non si rendono conto dello scempio in cui costringono a vivere se stessi non appena scendono dalla auto. Forse su questo bisogna far leva, ma in modo furbo. Insomma, secondo me non bisogna proporre una rinuncia (devi andare a 30 all’ora perché è giusto), ma bisogna promettere un miglioramento (una città più bella e pulita nella quale sia bello vivere e camminare).
        Scommetto che la maggioranza dei romani sarebbe contraria a introdurre il limite dei 30 km/h su via dei Fori Imperiali. Tuttavia credo che la stessa maggioranza dei romani sarebbe favorevole a pedonalizzarla del tutto e concordi sul fatto che sia una follia usare il Colosseo come uno spartitraffico. Paradossale? Non direi. Quando ho smesso di fumare non mi sono certo convinto pensando a cosa rinunciavo. Mi sono convinto pensando a quello che guadagnavo. Scusate per il commento un po’ lungo spero di essere stato chiaro.

      • lerane 4 dicembre 2012 a 13:54 #

        Francesco sei stato chiarissimo

  5. vespino 5 dicembre 2012 a 21:52 #

    Aggiungerei eliminazione degli archetti in mezzo alle ciclabili. Fare provare una ciclabile estraurbana, tprnando dal lavoro in inverno, a chi le ha progettate.

    • lerane 6 dicembre 2012 a 21:46 #

      chi progetta ciclabili non ne ha mai percorsa una e viceversa

Trackbacks/Pingbacks

  1. Un decalogo per rinnovare la mobilità urbana | MilanoX - 3 dicembre 2012

    […] via BiciSnob […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: