L’auto è morta. Parola di Volkswagen

6 Set

A recitare il de profundis dell’auto è uno che non t’aspetti, Massimo Nordio, da pochi mesi alla guida del gruppo Volkswagen Italia che con cinque marchi (Volkswagen, Audi, Skoda, Seat e veicoli commerciali) è il leader tra i costruttori esteri nel nostro Paese. In un’intervista a Repubblica ragiona in maniera seria e concreta del futuro del settore, affermando che siamo in piena demotorizzazione.

Che vuol dire demotorizzazione? 

“Oggi ci sono i voli low cost che con trenta euro ti portano dall’altra parte dell’Italia e anche all’estero – spiega Nordio – Con tre ore di treno è possibile raggiungere Milano o Verona partendo da Roma. L’auto, dunque, non è più competitiva, quindi nemmeno necessaria. Non solo, a cambiare le carte in tavola si aggiungono anche i social network, skype e gli smartphone, tutti elementi che hanno contribuito a stravolgere il rapporto tra i giovani e l’auto. Oggetti che rendono tutti più vicini, che si utilizzano per un periodo breve e poi si cambiano. Un fenomeno che tra l’altro sta portando le nuove generazioni ad essere più interessate all’utilizzo che alla proprietà”.

Esattamente l’opposto del sistema d’acquisto di un’automobile.

“Proprio così. Nel largo consumo si tende a pagare solo ciò che si usa quindi anche l’auto dovrà al più presto adeguarsi e fare suo questo concetto. Dovrà cambiare il sistema di vendita e anche il nostro settore dovrà al più presto adottare il “pay per view” della tv. Sarà questa una delle chiavi per superare la crisi”.

9 Risposte to “L’auto è morta. Parola di Volkswagen”

  1. marcopie 6 settembre 2012 a 12:07 #

    E se va bene a lui, buona camicia a tutti!
    (stapp! fzzzzz…. cin cin!)

    • lerane 6 settembre 2012 a 12:12 #

      yuppi

  2. viaggiaresemplice 7 settembre 2012 a 08:50 #

    In effetti avrà sotto i propri occhi quello che accade in Germania già da tempo…la macchina non è uno status symbol, molti giovani non sono per nulla interessati a possederne una, viaggiano coi mezzi pubblici, in bici, usano carpooling….la cultura del non possedere è già abbastanza diffusa, al punto che i più preferiscono affittare una casa che acquistarla, nonostante i prezzi di vendita delle case siano più bassi che in Italia!

    E a proposito di carpooling, se vi va buttate un occhio a questo nostro post di qualche giorno fa:

    http://viaggiaresemplice.wordpress.com/2012/09/03/per-viaggiare-in-tempo-di-crisi-carpooling/

  3. liberidileggermi 7 settembre 2012 a 12:31 #

    Reblogged this on liberidileggermi's Blog.

  4. minimetal 8 settembre 2012 a 08:49 #

    mah insomma… mi sembrano due paragoni un po’ campati per aria: l’auto mica compete con l’aereo, a lavoro non si va con l’aereo. a questo serve la macchina [perlomeno in italia dove il mezzo pubblico è un’utopia]. anche il paragone con gli smartphone… non penso che uno alla domenica faccia la spesa con l’iphone…

    • lerane 9 settembre 2012 a 19:27 #

      in realtà l’auto ha fallito proprio sul percorso casa lavoro: troppo lenta, troppo stressante, troppo costosa, troppo pericolosa. Insomma: è troppo!

  5. lerane 9 settembre 2012 a 19:25 #

    Reblogged this on zona30.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: