E se abolissimo i sindaci?

24 lug

C’è un pluriennale dibattito sull’abolizione delle Province, ritenute giustamente inutili o al più uffici di collocamento di partito, dove piazzare tromboni della poltrona o eterne promesse della politica. Ma da un po’ di tempo mi pongo lo stesso interrogativo rispetto alle città. A che servono i sindaci? Quasi tutti gli 8000 e rotti primi cittadini italiani governano, nel migliore dei casi, con un solo obiettivo: essere rieletti per un secondo mandato o sfruttare la sindacatura per fare carriera. E quindi passano anni stando attenti a smuovere le acque il meno possibile, cercano di non urtare la suscettibilità dell’automobilista elettore, di non dar fastidio ai bottegai, di tenersi buoni i tassisti, di dare l’idea che sono impegnati per i giovani e per gli anziani, per il centro storico e le periferie eccetera eccetera. Spinti dall’unico criterio guida della ricerca del consenso oggi inaugurano un  nuovo parcheggio multipiano e domani un breve tratto di ciclabile, domani ristrutturano in pompa magna l’asilo nido e il giorno dopo tagliano zitti zitti i fondi per i servizi all’infanzia, poi autorizzano il mega centro commerciale e contemporaneamente lanciano la politica per la tutela dei piccoli negozi di quartiere. Un continuo esercizio di equilibrismo che non cambia assolutamente la città che amministrano. O meglio: non la cambia in meglio, mentre qualche volta la cambia in peggio.

Per ripensare le città ci vuole coraggio, ci vuole responsabilità, servono scelte immediate e una visione chiara degli obiettivi futuri e delle scelte necessarie a raggiungerli. E invece noi abbiamo allevato una classe di sindaci pavidi, che vivono alla giornata, che vanno in giro per convegni, a tagliare nastri, rilasciano dichiarazioni alle tv locali e lasciano tutto com’è, per non perdere consensi. Che ce ne facciamo di sindaci così? Non sono in grado di far rispettare nemmeno le strisce pedonali, di garantire cose banalissime, figuriamoci quelle più complicate.

E quindi: perché non pensare di abolire la carica, di renderla non elettiva, ma di assegnarla per concorso. Gli aspiranti sindaci si presentano coi loro bei titoli e con un progetto chiaro, una carta di impegni diversa da quelle squallide promesse da programma elettorale. I cittadini votano per approvare o disapprovare non tanto la persona, quanto il progetto che propone (che so: una città senz’auto, la raccolta differenziata al 75%, la decostruzione e la ricostruzione delle periferie più invivibili…). Se il sindaco non rispetta i piani nei tempi giusti, zac, viente tagliato e avanti un altro che però dia seguito a quel progetto…

E’ un’idea folle? Pericolosa? Bah, a me sembra più folle la situazione attuale…

5 Risposte to “E se abolissimo i sindaci?”

  1. lerane 25 luglio 2012 a 09:54 #

    Reblogged this on Rassegna Stanca.

  2. superprecario 25 luglio 2012 a 15:29 #

    Io sostengo da anni che bisognerebbe sostituire le elezioni con il sorteggio. Col sorteggio non potremmo mai essere così sfortunati da far uscire una classe politica pessima come quella di oggi. Purtroppo come dici tu, per essere eletti si fa di tutto per apparire bravi, belli e buoni, mentre in realtà non si riesce ad essere incisivi nelle scelte importanti. Un equilibrtismo che ci ha portato all’immobilismo totale. Allora via con il sorteggio.

    • lerane 25 luglio 2012 a 15:45 #

      Il sistema elettorale misto franco-sovietico… ovvero: la roulette russa… scherzi a parte forse anche il sorteggio è meglio di quello che c’è adesso

  3. Margentina73 31 luglio 2012 a 12:11 #

    idea provocatoria ma assolutamente sensata

  4. Marco 1 settembre 2012 a 09:11 #

    Se vuoi esser coerente e imporre vincoli per poi lamentarti che non vengono considerati chiediti: 1il vincolo è una limitazione alla sacra libertà del cittadino, dunque è da considerarsi misura eccezionale (sì, anche il CdS) in deroga alla spontaneità e agli interessi del mio elettore. Serve? 2 Sto mettendo il mio elettore già scocciato nella condizione di convivere col vincolo senza essere alternativamente Mandrake o uno di quelli grassi, felici e ricchi che hanno la coperta ben lunga (vedasi questione multe/reddito, per collegarmi a questo blog, ma tutti i concetti sono generali e si mostrano in tante di quelle occasioni…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.985 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: