Hai voluto la bicicletta? Allora non pedalare

18 Feb

Per più di un secolo ha resistito identica a se stessa o quasi. Ora ingegneri, architetti, istituti di ricerca tentano di disegnare per la bicicletta del futuro nuovi percorsi pieni di tecnologia, design, forme stravaganti, sistemi in grado di raccogliere dati su smog e traffico. E tutti i cicloinventori tirano la volata verso mezzi urbani ibridi, spinti sia dal motore umano che dall’elettricità o dall’idrogeno.

Proprio sull’idrogeno, ad esempio, ha puntato il Cnr di Messina col suo prototipo di bici a pedalata assistita. Con un pieno da 18 euro ha un’autonomia elettrica di 150 chilometri che, ovviamente, possono allungarsi se il ciclista fa girare le gambe più energicamente. Un modello analogo, pronto per il mercato, lo ha realizzato una piccola azienda pisana, la Acta Energy. Con una bombola da un litro (pari a 600 litri di idrogeno) fila a 25 chilometri all’ora. A frenare l’entusiasmo dei potenziali acquirenti c’è il prezzo che si aggira sui 3.000 euro.

Il famoso Mit di Boston, invece, si sta concentrando esclusivamente sulla ruota posteriore. Ha escogitato un sofisticato mozzo elettrico che in poco spazio nasconde motore, batterie, dinamo e un sistema di sensori che si interfacciano via bluetooth a un iPhone montato sul manubrio dove compaiono posizione, distanza percorsa, meteo, livelli di smog. La green wheel del Massachusetts Institute of Technology si può montare su una qualsiasi bici, trasformandola senza nessuna variazione estetica in un mezzo a pedalata assistita. C’è molta Italia in questo brevetto. A dirigere il team che lavora alla tecnoruota è un cervello in fuga, l’architetto Carlo Ratti, e il partner industriale del progetto è Ducati energia. Curiosamente per l’azienda di Borgo Panigale si tratta di una sorta di flashback: per 20 anni, dalla nascita nel 1926 all’immediato dopoguerra, aveva costruito apparecchiature per le radiocomunicazioni e la produzione di motociclette era iniziata quasi per caso dopo un esperimento: l’applicazione di un motore monocilindrico su una normale bici.

Non parla italiano, ma ha lo studio a Milano, il tandem nippo-danese di architetti che ha realizzato l’attraente Bike 2.0, vincitrice della Seoul Cycle Design Competion, il più prestigioso premio ai creativi del settore. Anche Kyoko Inoda e Nils Sveje hanno puntato sulla pedalata assistita e su tanta tecnologia, tutta integrata nel telaio, come la trasmissione a cardano che sostituisce la tradizionale catena. Ancora più fantasiose la ebiq elettrica del giapponese Yuji Fujimura, con pedali e manubrio che si ripiegano verso l’interno per diminuire l’ingombro quando è parcheggiata in casa o la yikebike, triciclo pieghevole che si ricarica in mezz’ora, si guida stando seduti sul manubrio ed è già in vendita negli States a 3.500 euro.

Dietro l’attuale ciclofrenesia di brevetti c’è una comune convinzione dei progettisti: in città sempre più congestionate la bici diventerà il veicolo migliore per spostarsi. Tutto molto interessante, ma ho una domanda: se coi nuovi modelli c’è poco da pedalare, si può ancora parlare di biciclette?

8 Risposte to “Hai voluto la bicicletta? Allora non pedalare”

  1. Filippo 18 febbraio 2011 a 07:06 #

    L’essere umano deve sempre pensare a un tornaconto e a un guadagno. Pertanto una “roba” che pedala e va a energia “umana” non crea molto profitto.
    Però se può servire ad allontanare dalla macchina le signore “radical chic” più accanite ben venga. Ma è comunque un’altra cosa..
    PS: la mia preferita è la bike 2.0.. se posso ti rubo la foto..;)

    • lerane 18 febbraio 2011 a 12:37 #

      peccato che la bike 2.0 sia solo un progetto. per ora non c’è nemmeno il prototipo. piace anche a me perché credo possa dare belle soddisfazioni: sfilare un auto a 40-45 senza nessuno sforzo e senza che quello possa minimamente sospettare che hai un motore elettrico sotto. sarà pure infantile, ma per una volta…

  2. Marc 18 febbraio 2011 a 08:15 #

    Diciamo che nascerà una generazione di ciclisti col culo flaccido. Flaccido per flaccido, meglio su due che su quattro ruote, per il bene degli altri, i ciclisti veri… 😉

    • lerane 18 febbraio 2011 a 12:37 #

      ben vengano i culi flaccidi assistiti allora!

      • Filippo 18 febbraio 2011 a 12:42 #

        anche se è preferibile di gran lunga il culo di marmo non-assistito..;)

  3. Valeria 18 febbraio 2011 a 14:46 #

    anche a me piace da matti la bike 2.0…poi se voglio posso pedalare , no? ho imparato ad amare questa dolce fatica, per la sensazione di benessere che mi rimane, dopo, addosso per ore…però concordo con Filippo: ben venga per chiunque non abbia più l’energia dei venti e dei cinquant’anni 😛 e dei sessanta.. e a volte persino dei settanta..

    insomma, ben venga la generazione dei culiflaccidinbici, se serve ad avvicinare a zero il numero delle macchine in circolazione…avvicinando all’ibrido\bici persone che alla biciebasta non si accosterebbero mai!

    • lerane 18 febbraio 2011 a 15:49 #

      però non è solo questione d’età o di forma fisica. a brescia conosco una donnona di 73 anni che fa fatica a camminare, ma è agilissima con la sua bici. il fatto è che pedala da sempre!

      • Valeria 21 febbraio 2011 a 08:32 #

        sisi vero, i ciclisti non hanno età!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: