E sento che per questo tu stai per dirmi grazie

5 Feb

Per strada, in bicicletta, mi basta poco spazio
ed evito di aggiungere traffico al tuo traffico,
che so che al volante hai sempre tanta fretta
e un auto in coda in più fa crescere il tuo strazio.
E sento che per questo tu stai per dirmi grazie!

Davanti scuola filo senza gas di scarico,
e non aggiungo smog allo smog del tuo bambino,
che so che devi proprio accompagnarlo in auto,
1.600 metri! Mica sei lì vicino.
E sento che per questo tu stai per dirmi grazie!

A casa della nonna non fermo in doppia fila,
che so che hai ragione a dire: è eutanasia!
uccidere una vecchia che impiega così tanto
a uscire dalla macchina ferma in mezzo alla via.
E sento che per questo tu stai per dirmi grazie!

Al semaforo mi sfiori e io son senza clacson,
e sbatto sul selciato ma non emetto suono,
che so che è un tormento quella tromba nelle orecchie
un urlo assordante che sovrasta il frastuono.
E sento che per questo tu stai per dirmi grazie!

In ufficio arrivo e non rubo mai il parcheggio,
che so quale fatica girare tutt’attorno
alla ricerca di un buco che non si trova mai
e perdere mezz’ora e qualche volta peggio.
E sento che per questo tu stai per dirmi grazie!

Al sabato passeggio in centro senza fretta,
e non allungo oltre la coda verso l’outlet,
che solo poche ore di un sabato invernale
passeggi pure tu nel centro commerciale.
E sento che per questo tu stai per dirmi grazie!

Sotto casa passo felpato, e quasi non t’accorgi,
che so che tu riposi dopo un giorno infernale,
tra traffico, lavoro e tanto, troppo rumore
un uomo solo in auto, in mezzo ad un ingorgo.
E sento che per questo tu stai per dirmi grazie!

All’incrocio, finalmente, lo aspettavamo da un pezzo,
mi fai un gesto rapido, mi guardi, io guardo te,
abbassi il finestrino e allora lì lo sento,
che urli: A ciclista! Ma levate dar cazzo!

Advertisements

4 Risposte to “E sento che per questo tu stai per dirmi grazie”

  1. Massimiliano Di Giorgio 23 febbraio 2011 a 09:09 #

    ma qui si ricicla, aho! (e grazie anche per questo…)

    • lerane 23 febbraio 2011 a 09:20 #

      il momento poetico era poco noto!

Trackbacks/Pingbacks

  1. Che poi io la bici la amo « il sub (senza muta né uniforme) - 30 marzo 2011

    […] che seguo saltuariamente, ma con interesse. Qualche tempo fa ha anche ri-pubblicato una specie di poesia del ciclista molto divertente e anche realista, se non fosse che termina poi […]

  2. i Buoni motivi per l’uso della bici in città | Anemmu in bici a Zena! - 8 aprile 2012

    […] https://bicisnob.wordpress.com/2011/02/05/e-sento-che-per-questo-tu-stai-per-dirmi-grazie/ […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: